Categorie prodotti




ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Approfondimenti

Dietro le quinte della campagna XMT




Dietro le quinte con la nuova gamma Generation X! In questo video, il fotografo Steve Brown del Team Bowens mette le mani sul rivoluzionario sistema flash XMT per location. Leggete cosa pensa Steve del nuovo kit!






Congelare il tempo - anche quando si congela!


Aaaargh! Faceva freddo su quella solitaria spiaggia del Suffolk alle 6 di mattina!

Molto freddo davvero... specialmente se state correndo su e giù sulla sabbia indossando niente più che un sorriso, un paio di shorts e un piccolo top, cercando di soddisfare un esigente fotografo d'azione e il team di produzione Bowens.

Il fotografo londinese Steve Brown racconta: "Stavamo effettuando delle riprese test del nuovissimo flash Bowens Generation X XMT. La squadra di produzione ed io eravamo ben coperti contro il freddo ma tremavamo comunque - ma la maratoneta Susie Chan indossava il suo normale abbigliamento da corsa, mentre le chiedevamo di correre su e giù per la spiaggia - sempre rimanendo sorridente e gentile - una vera star."


Il brief di Bowens era di catturare e congelare l'azione con il XMT-500 il sistema flash e batteria tutto in uno, completo di tecnologia TTL, con sincronizzazione ad alta velocità e ben 9 stop di gamma potenza.



Generation X XMT Behind the scenes


Steve decise di scegliere una vera atleta per le riprese sulla spiaggia, e poco dopo nei boschi nelle vicinanze - e pochi atleti del calibro di Susie Chan sarebbero stati disponibili. Susie è una celebre maratoneta in grado di affrontare qualsasi distanza, forse anche 100 miglia. L'anno scorso ha segnato un nuovo record percorrendo quasi 70 miglia in 12 ore.
Steve dice: "Non voglio fotografare una modella che può correre venti metri un paio di volte. Volevo la storia di una vera runner, una fra i migliori. Ho trovato Susie su Instagram e lei ha accettato di lavorare con noi per il progetto su Bowens XMT."


Alle 5.30 di mattino vicino a Lowestoft, i due si scendevano per la tortuosa strada che porta alla spiaggia. Steve aggiunge: "Abbiamo passato alcuni campi e un allevamento di maiali - già solo il viaggio è stato un'ottima dimostrazione dell'utilità di avere il kit di luci nello zaino - facilissime da portare. I fotografi non vogliono trascinare borse enormi e pesanti giù per sentieri fangosi."

Quindi trovarono la spiaggia dove il team video li aspettava e allestirono il set di luci - tutto con temperature freddissime e una brezza gelata.

"Spiegai a Susie che dovevo catturare la pura sensazione del correre - il movimento del corpo" racconta Steve "La sfida era che dovevo essere proprio nel punto di fuoco che avevamo allestito per scattare la foto. Abbiamo letteralmente disegnato una linea sulla sabbia cosicché Susie potesse fare una lunga falcata passando in quel punto - ed essere sicuri che la sua figura avesse la posizione migliore a livello estetico."


Generation X XMT Behind the scenes 2


La posizione è importante perché vi sono un paio di posizioni in una falcata, mentre si corre, che sono esteticamente superbe, altre terribili. Avevamo bisogno che toccasse il punto esatto della spiaggia nella sua falcata e, allo stesso tempo, avevamo bisogno di una bella posa. L'espressione del viso non è qualcosa cui pensi mentre corri ma fa una grande differenza secerchi di catturare splendide immagini di qualcuno che corre."


Tempo e marea:
Sulla spiaggia Steve ha usato Canon 5DMKII con i due nuovi XMT 500s a un softbox 60x80cm - ed è riuscito ad eseguire delle ottime riprese nonostante il tempo inclemente. "Abbiamo avuto un breve interludio in cui il sole è apparso fra le nubi" racconta Steve con un sorriso "stavamo scattando in una diversa direzione in quel momento così abbiamo dovuto spostare le luci velocemente per usufruire della luce naturale - ma non fu un problema poichè avere i controlli dei flash sul radiocomando montato sulla fotocamera mi ha permesso di regolare in un attimo le luci".

Aggiunge: "L'unica vera sfida sulla spiaggia era che quando abbiamo iniziato le riprese la marea iniziava a salire e ad un certo punto lo stativo di uno dei flash aveva le gambe immerse nell'acqua... ma essendo un flash Bowens tutto-in-uno non c'è stato alcun problema."


Riprese nel bosco:

Nel pomeriggio (prima che una pioggia in stile hollywoodiano interrompesse prematuramente le riprese) il team si è imbarcato in una dinamica di shooting completamente diversa.
Steve spiega: "Questa parte dello shooting è stata piuttosto inusuale perché abbiamo agganciato i flash alla Range Rover della produzione. Io ero sdraiato nella parte posteriore dell'auto con le luci agganciate al tetto della vettura, l'auto andava mentre io riprendevo Susie che correva dietro di noi. Questo era un esempio brillante di quanto sia fantastico avere luci senza bisogno di cavi - e di come sia facile regolare le luci dall'interno dall'auto quando sono montate fuori dall'auto."


Generation X XMT Behind the scenes 4



Steve ha totalmente abbracciato la funzionalità TTL di XMT. "Non uso sempre il TTL ma in questa occasione ha lavorato in modo impeccabile e ci ha dato i risultati che volevamo. Basta impostarlo se per caso vuoi le cose un più chiare o più scure - e lui lo fa. Non ci devi pensare."


Per un controllo ancora maggiore in location, XMT include la sincronizzazione ad alta velocità, permettendo velocità di scatto fino q 1/8000 sec e compatibile con camere Canon, Nikon e Sony.


Steve aggiunge, entusiasta: "Questa è una gran cosa per me. Prima faticavo, potendo contare su una sincronizzazione flash massima di 1/125sec. In caso la giornata sia molto luminosa è un problema perché per compensare la lcue naturale avresti bisogno di una torcia da 3000Ws."


"Se puoi controllare la luce ambiente con una velocità di esposizione max di 1/125sec allora l'unico modo di diminuire la luce è ridurre il diaframma - così hai bisogno di più luce flash. Così, se non hai un flash potentissimo e devi scattare a f/16 allora è difficile - mentre se puoi rendere l'ambiente menno luminoso scattando a 1/3000 di secondo puoi scattare a f/3.5 e così non hai bisogno di tutta quella potenza flash per ottenere un look stilizzato."

Il sistema trigger XMTR:

Lavorando su una frequenza di 2.4Ghz, questo sistema permette di controllare tutte le caratteristiche e funzionalità di XMT, inclusa la modalità flash, potenza e luce pilota dalla posizione della fotocamera.

Steve dice: "Questo è un benefit reale per chi fotografa in location. Se, come me in queste riprese, siete sdraiati in spiaggia di mattina presto e siete giù in posizione nella sabbia, l'ultima cosa che vuoi è doverti continuamente alzare e rimettere giù per modificare le impostazioni dei flash. Sarebbe scomodo e rallenterebbe molto le riprese. In questo shooting, ho solo controllato il retro della fotocamera e impostato le regolazioni manmtre Susie correva. A venti secondi dopo al successivo passaggio di Susie Avevo giàpronta la nuova impostazione delle luci.”


I nove stop di potenza flash (pieno-1/256):

I fotografi possono usare XMT per esporre perfettamente il soggetto mentre sottoespongono un ambiente troppo luminoso. Steve nota: "Questa funzionalità è molto utile - Ho usato XMT anche in interni, e avere la possibilità di ridurre la potenza a soli 62,5Ws è molto comodo."


Riciclo ultra-veloce

Per fotografi come Steve, mantenere la velocità dell'azione è vitale. "Quando Susie correva dietro di noi nel bosco, riuscii a scattare tutte le foto che desideravo. Ho fatto così tante rirpese in passato in cui dovevo attendere il riciclo del flash per effettuare un nuovo scatto, ed era molto frustrante. XMT ha superato quella barriera!"


Generation X XMT Behind the scenes 3


XMT e batterie:

La batteria facilmente sostituibile di XMT offre fino a 500 lampi a piena potenza. Steve racconta: "Adoro quanto sia facile sostiturle. L'indicatore sulla parte superiore permette di vedere facilmente quanti ne sono rimasti. Abbiamo scattato quasi tutto il giorno e le nostre batterie XMT non erano nemmeno a metà a fine giornata. Inoltre, è importante notare che le altre luci hanno batterie che hanno ganci all'esterno e che mi renderebbero nervoso al momneto di maneggiarle e trasportarle. in XMT invece tutto è all'interno della scocca e voi potete dimenticarvi di questo problema.

XMT mi ha dato totale libertà di focalizzarmi sulle riprese. Non ho dovuto preoccuparmi che qualcosa cadesse o di inciampare su di un cavo. Mi ha dato la possibilità di impostare il set, dimenticarmene e concentrarmi sulla creatività."